Professori – Donato Pirovano

pirovano2006

Donato Pirovano

Donato Pirovano (Como, 1964) si è formato all’Università degli Studi di Milano dove si è laureato in Lettere moderne sotto la guida di Emilio Bigi, discutendo una tesi intitolata Caratteri e funzioni della metafora nel «Decameron». Sempre nell’ateneo milanese ha conseguito il titolo di dottore di ricerca discutendo una tesi dal titolo Aspetti formali del «Novellino» di Masuccio Salernitano. Attualmente è professore universitario di seconda fascia, titolare della cattedra di Letteratura italiana della Facoltà di Scienze umane e sociali presso l’Università degli Studi del Molise, (settore scientifico disciplinare: L-FIL-LET/10 -) e affidatario degli insegnamenti di Didattica del testo letterario e Filologia e critica dantesca. Nella sua attività di ricerca si è interessato soprattutto di novellistica italiana dal Boccaccio fino al secolo XVI, pubblicando una serie di saggi su riviste specialistiche e curando l’edizione di alcuni testi: l’Historia de duobus amantibus di Enea Silvio Piccolomini (Alessandria, Dell’Orso, 2001); Le piacevoli notti di Giovan Francesco Straparola (Roma, Salerno Editrice, 2000); I diporti di Girolamo Parabosco (Roma, Salerno Editrice, 2005); e La fonte del diporto di Gherardo Borgogni (Roma, Salerno Editrice, 2005) . Ultimamente si è occupato di commenti danteschi e ha approntato, nell’ambito della Edizione Nazionale dei Commenti danteschi, l’edizione critica della Comedia di Dante Alighieri con la nova esposizione di Alessandro Vellutello in tre volumi (Roma, Salerno Editrice, 2006).  Poeti del dolce stil novo (Roma, Salerno editrice, 2012.