Professori – Marcello Ciccuto

ciccuto2007

Marcello Ciccuto

Marcello Ciccuto è Professore Ordinario di Letteratura Italiana presso il Dipartimento di studi italianistici dell’Università di Pisa, e ha in passato svolto carichi di insegnamento presso università francesi, spagnole e statunitensi. E’ direttore delle riviste “Letteratura & Arte”, “Humanistica” e “Studi Rinascimentali”; membro della Giuria del Premio letterario “Viareggio-Rèpaci”. Nel corso della sua carriera accademica ha partecipato a molti convegni e pubblicato numerosi articoli scientifici, soprattutto sugli autori dei primi secoli (Stil Novo, Cavalcanti, Dante, Boccaccio, Petrarca), sull’incontro fra letteratura e cultura visiva (Calvino, Alberti, Dante, Sereni, umanesimo e rinascimento) e su Leopardi. Passando ai veri e propri volumi monografici, è bene citare “L’immagine del testo. Episodi di cultura figurativa nella letteratura italiana” (Roma 1990); “Figure di Petrarca: Giotto, Simone Martini, Franco bolognese” (Napoli 1991); “Icone della parola. Immagine e scrittura nella letteratura delle origini” (Modena 1995); “I segni incrociati. Letteratura italiana del ‘900 e arte figurativa” (Lucca 1998 & 2002); “Figure d’artista. La nascita delle immagini alle origini della letteratura” (Firenze 2002).

Come dantista il professor Ciccuto ha studiato i rapporti con i poeti duecenteschi (“Lo sdegno di Guido e l’umiltà di Dante. Percorsi dell’interpretazione”, “Uno sguardo critico alla lirica delle origini: l’esperienza delle rime Petrose” e “Il disdegno di san Giacomo. Per una diversa assenza di Cavalcanti dalla Commedia”), l’illustrazione della Commedia (“Nuove considerazioni sull’illustrazione antica della “Commedia: dalla Firenze trecentesca al Tardogotico settentrionale”) e il rapporto coi classici (“”Trattando l’ombre come cosa salda”. Forme visive della dolcezza di Stazio nel ‘Purgatorio’ dantesco”). Gli è stato inoltre affidato il Canto XXXI dell’Inferno all’interno della Lectura Dantis Turicensis (2000).