Professori – Violetta De Angelis

Violetta De Angelis

Violetta De Angelis

Laureata in filologia classica con il prof. Ignazio Cazzaniga, ha discusso una tesi sul primo vocabolario medievale di Papias e si è poi anche dedicata allo studio della tradizione medievale dei commenti ai classici soprattutto nell’ottica di verificare la produttività dell’esegesi sui classici nelle opere degli autori italiani del Trecento, con particolare riguardo a Dante e Petrarca. Ha insegnato nelle università della Calabria, di Pavia, di Trieste e di Padova, approdando nel 1996 nell’Università degli Studi di Milano dove ha iniziato l’insegnamento di Filologia umanistica. Dal 2003 ha tenuto anche per affidamento l’insegnamento di Filologia italiana.

Suoi lavori principali sono, oltre all’edizione parziale dell’Elementarium di Papias e vari studi successivi (Ansie ortografiche d’autore e censure umanistiche: Papia e Bonino Mombricio, in Per una storia della grammatica in Europa, a cura di C. Milani e R.B. Finazzi, Milano 2004, 121-142; L’Elementarium di Papia: metodo e prassi di un lessicografo, in “Voces” 8-9 (1997-98, ma  2000), 121-139;  Papia Elementarium. Tradizione manoscritta ed edizione del testo: alcuni problemi, in Bandhu. Scritti in onore di Carlo Della Casa, acd R. Arena, M.P. Bologna, M.L. Mayer Modena, A. Passi, Alessandria 1997, 695-716; La redazione preparatoria dell’Elementarium, in “Filologia mediolatina” 4 (1997), 251-290), gli studi che coinvolgono la Commedia di Dante e le opere di Petrarca (“… e l’ultimo Lucano, in Dante e la bella scola della poesia, acd. A.A. Iannucci, Ravenna 1993, 145-202; Il testo di Lucan, Dante e Petrarca, in Seminario dantesco internazionale. International Dante Seminar I, acd Z. Baranski, Firenze 1997, 69-109;  I commenti medievali alla Tebaide di Stazio: Anselmo di Laon, Goffredo Barione, Ilario d’Orléans, in Medieval and Renaissance Scholarship, acd. N. Mann – B. Munk Olsen, Leiden 1997, 75-136; Lo Stazio di Dante: poesia e scuola, in “Schede umanistiche”, 2002, 29-69;  Nacqui sub Julio, ancor che fosse tardi (Inf. 1.70), in Studi vari di lingua e letteratura italiana in onore di Giuseppe Velli, Milano 2000, 127-45 (in collaborazione con G.C. Alessio), Un percorso esemplare della lezione sui classici, Giovanni del Virgilio e l’Achilleide di Stazio, in i classici e l’università umanistica, acd. L. Gargan – M.P. Mussini Sacchi, Messina 2006, 225-260; Petrarca, Varia 3: due reintegri, “Filologia mediolatina”, 13 (2006), 229-40; Varianti d’autore nella  Var. 42 del Petrarca, in Estravaganti, disperse, apocrifi petrarcheschi, acd. C. Berra- P. Vecchi Galli, Milano 2007, 493-534; Sulle postille petrarchesche al Virgilio Ambrosiano, in”Lettere italiane” 2008, 1-11.