Professori – Sergio Cristaldi

Icona CristaldiSergio Cristaldi è nato a Locri (RC) nel 1956. Attualmente è professore associato di Letteratura Italiana all’Università degli Studi di Catania, dove insegna anche Filologia e critica dantesca. Collabora alle riviste: «L’Alighieri», «Giornale Storico della Letteratura Italiana», «Le Forme e la Storia», «Rassegna Europea di Letteratura Italiana», «Siculorum Gymnasium»,  «Testo». Fa parte del Comitato scientifico della «Lectura Dantis Siciliana», che dal 1991 organizza ogni anno presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Catania letture dell’opera dantesca con la partecipazione di autorevoli studiosi di Dante italiani e stranieri. Queste letture sono state pubblicate sulla rivista «Le Forme e la Storia», in tre volumi monografici (n. 1, 1991; nn. 1-2, 1994; nn. 1-2, 1997).

 Ha pubblicato i volumi: La “Vita Nuova” e la restituzione del narrare, Messina, Rubbettino, 1994; Dante di fronte al gioachimismo. I. Dalla “Vita Nova” alla “Monarchia”, Caltanissetta-Roma, Sciascia Editore, 2000; Occasioni dantesche, Caltanissetta-Roma, Sciascia, 2004; Realtà, utopia romanzo, Catania, CUEMC, 2006. Ha inoltre curato il volume Studi in memoria di Giovanna Finocchiaro Chimirri, Catania, CUEMC, 2002, e ha collaborato per la parte delle schede critiche ad un’edizione antologica della Commedia, La “Divina Commedia”. Testi. Strumenti. Percorsi, a cura di N. Mineo, D. Cuccia, L. Melluso, Palermo, Palumbo, 1996.

Tra i numerosi articoli di argomento dantesco, segnaliamo: Dante e il “Liber figurarum”, in AA.VV., Letterature e lingue nazionali e regionali. Studi in onore di Nicolò Mineo, Roma, Il Calamo, 1996; Tra selva e colle: alle soglie del viaggio dantesco, in «Siculorum Gymnasium », LI, 1998; Dante, il profetismo gioachimita e la Donazione di Costantino, in «Letture Classensi» XIX, 2000; Dante in Santa Croce, in AA.VV., Studi in onore di Bruno Panvini, Catania, Facoltà di Lettere e Filosofia, 2000, Dante lettore e scriba della memoria, in AA.VV., Dante in lettura, Ravenna, Longo, 2005; Un ipotesto biblico: l’Apocalisse, in «Letture Classensi», 37, 2008.